Motopuglia.com

Macchinari Agricoli
Рейтинг статьи
1 звезда2 звезды3 звезды4 звезды5 звезд

Nutriamo piante affamate dopo l’inverno!

La primavera è il periodo più affollato dell’anno. Le piante che sono rimaste dormienti per tutto l’inverno sono ora sveglie e potrebbero aver bisogno di un’alimentazione nutritiva aggiuntiva. Segui la nostra guida e aiuta il tuo giardino a prepararsi per l’estate e la prossima stagione di fioritura. 

Affinché le tue piante siano sane e resistenti a malattie e parassiti, devono avere accesso a molti nutrienti. Sebbene quasi tutti si trovino naturalmente nel terreno, la concimazione in determinati periodi dell’anno è una necessità per alcune specie vegetali.  

Cosa cercare quando si sceglie un fertilizzante? 

I tre macronutrienti principali di cui le piante hanno bisogno sono N (azoto), P (fosforo) e K (potassio), mentre i micronutrienti come calcio, ferro e boro sono essenziali per lo sviluppo di fiori e frutti.

Quindi scegli un fertilizzante etichettato NPK o multi-ingrediente per fornire alle tue piante tutti i nutrienti di cui hanno bisogno. Questi fertilizzanti si presentano sotto forma di pellet, granuli, polvere o forma liquida.

Scegli quello che fa per te. Nel caso di concime granulare o in polvere, è sufficiente disperderlo o seppellirlo nel terreno e ripetere questa operazione ogni due o tre mesi. 

I fertilizzanti liquidi concentrati iniziano a lavorare immediatamente, ma richiedono un’applicazione più frequente, anche una volta alla settimana durante la stagione di crescita. 

Suggerimenti per l’applicazione del fertilizzante

Se le previsioni del tempo indicano pioggia per diversi giorni, è meglio posticipare la medicazione prevista. Il fertilizzante si immergerà troppo in profondità nel terreno, il che può portare alla contaminazione delle fonti idriche sotterranee e alla distruzione dei microrganismi del suolo.

Il prato richiede l’irrigazione immediatamente dopo l’applicazione di fertilizzante in polvere. Ciò consente ai granuli di penetrare in profondità nel terreno. In questo modo eviterai di bruciare le foglie. 

Le piante ottengono i loro nutrienti solo dal terreno umido. Se noti segni di carenze di micronutrienti, ciò potrebbe essere dovuto all’essiccazione del terreno. In questo caso, fare affidamento su un’irrigazione adeguata. 

L’ecologia è facile! 

I fertilizzanti organici sono costituiti da parti di piante e rifiuti animali. Ecco perché sono così preziosi e rispettosi dell’ambiente. Forniscono sia alle piante che al terreno preziosi micro e macro elementi. Sono anche più sicuri per la fauna selvatica e sono molto facili da preparare da soli (come il fertilizzante per il compost) o da acquistare, sia da un’azienda naturale che in comodi pellet. 

голоса
Рейтинг статьи
Weiterlesen:
Il tosaerba ha molti nomi. Quale scegliere?
Ссылка на основную публикацию
Adblock
detector