Motopuglia.com

Macchinari Agricoli
Рейтинг статьи
1 звезда2 звезды3 звезды4 звезды5 звезд

Prato dopo l’inverno: i 10 migliori compiti di cura

In inverno, il prato è solitamente molto danneggiato, soprattutto a causa del rapido cambiamento delle condizioni meteorologiche. Può essere riportato in buone condizioni con una serie di trattamenti eseguiti nel giusto ordine. Che cos’è la rigenerazione del prato e come farlo nel modo giusto?

Un inverno freddo e nevoso lascia molti segni, incluso un prato danneggiato. Il prato è indebolito principalmente a causa di: sbalzi di temperatura e scarsa resistenza ad agenti patogeni e parassiti.

Anomalie meteorologiche a lungo termine portano a un’alternanza di gelo e disgelo dell’acqua, che si accumula in grandi quantità sotto la superficie del tappeto erboso. Di conseguenza, si alza e poi si stacca dallo strato radicale. In primavera, dove il tappeto erboso è danneggiato, l’erba si asciuga molto rapidamente. Ciò contribuisce alla muffa della neve, una delle malattie più comuni del prato. Un sintomo della malattia è un rivestimento bianco che copre la sua superficie, che nel tempo — quando la pianta muore — si trasforma in macchie marroni con un diametro da 5 cm a anche 20 cm Anche le larve, la cui attività aumenta dinamicamente in primavera, sono pericolose. Possono persino distruggere l’erba su tutto il prato.

Fortunatamente, nella maggior parte dei casi, anche il prato più danneggiato può essere riportato alla sua forma ideale con adeguate procedure di manutenzione eseguite con precisione e nel giusto ordine. Tuttavia, prima di iniziare a lavorare, aspetta che il tempo si stabilizzi: la neve si scioglie, il terreno si scioglie e si asciuga (camminando su un prato intriso d’acqua, lascerai dietro di sé caverne che approfondiranno i danni esistenti).

  1. Scarificazione: rimozione dello strato di feltro formatosi durante l’inverno.

All’inizio della primavera, tra i fili d’erba giovani e verdi, è facile notare tappeti erbosi asciutti e ingialliti che interferiscono con lo sviluppo del tappeto erboso, bloccando il libero accesso dell’acqua allo strato radicale. La loro rimozione è il primo passo per un prato naturalmente bello e sano. Puoi farlo con un rastrello se hai un piccolo giardino. Nel caso di più superfici, è meglio utilizzare uno scarificatore — un dispositivo dotato di lame in acciaio strette o molle che tagliano verticalmente il tappeto erboso di diversi centimetri e ne puliscono la superficie da piante morte (feltro) ed erbe infestanti che impediscono il corretto inumidimento e ossigenazione del il terreno in strati più profondi. .

Weiterlesen:
6 gadget che facilitano il giardinaggio

Sebbene il prato non sembri molto bello subito dopo la scarificazione, non rifiutare la procedura. La rimozione del feltro garantisce una corretta circolazione dell’aria e la penetrazione della giusta quantità di luce, nonché di acqua con sostanze nutritive (gradi essenziali e oligoelementi). Presto le radici tagliate inizieranno a ramificarsi bene,

e il prato riacquisterà il suo aspetto estetico.

La scarificazione è il minimo indispensabile quando si tratta di prendersi cura di un prato danneggiato dal gelo e dalla neve. Un arieggiatore a benzina è l’ideale per lavorare su grandi spazi verdi, e per giardini più piccoli, uno elettrico.

Fonte: www.stiga.pl

  1. Aerazione: aerazione del prato

Questa è una delicata procedura di manutenzione in tre fasi, che consiste in: perforazione profonda (da 8 a 15 cm di profondità) del tappeto erboso, levigatura dei fori risultanti e rastrellatura in modo che sia completamente riempita con sabbia grossolana. Di conseguenza, la struttura densa del terreno viene allentata e lo strato radicale viene ulteriormente saturo di ossigeno. Di conseguenza, le giovani piante rampicanti diventano più forti, cioè più resistenti alle malattie e ai danni causati sia dalle avverse condizioni meteorologiche che dall’attività di piccoli parassiti.

  1. rotolamento

Premendo a terra il manto erboso con un apposito rullo da giardino è possibile, innanzitutto, deporre sul terreno frammenti di prato sollevati dal gelo. Inoltre, stimola l’erba a crescere in modo uniforme.

ha un effetto positivo sulla frequenza di accestimento.

Il momento più favorevole per arrotolare il tappeto erboso è metà aprile, quando il substrato si asciuga bene dopo il disgelo. Attendere pazientemente un’aura favorevole, grazie alla quale il trattamento porterà i risultati attesi.

  1. Semina del prato inglese

Dopo l’inverno, in molti punti del prato, invece di giovani germogli, può apparire terra marcia vuota. La crescita di erba sana richiede un allentamento superficiale e l’addormentarsi con uno strato di terra fresca o torba. Solo su un substrato così preparato si può seminare la zolla mancante (deve provenire dalla stessa miscela che hai usato per sistemare il prato, o eventualmente da una già pronta destinata alla sua rigenerazione). Allentare leggermente i semi appena seminati e annaffiare abbondantemente.

  1. fecondazione

Il fertilizzante fornisce un apporto costante di sostanze nutritive allo strato radicale del prato. Puoi usarlo quando la temperatura raggiunge un livello positivo stabile, ad es. almeno 5 gradi Celsius.

Weiterlesen:
La serra è un luogo verde indipendentemente dal tempo

I micro e macro elementi più pregiati sono contenuti nel compost, considerato il fertilizzante organico più pregiato. Puoi produrlo da solo usando un chopper, un dispositivo progettato per tagliare rami, germogli appassiti e lignificati tagliati da arbusti, corteccia sottile o andana. Come lavorare

con un elicottero? Tutto quello che devi fare è posizionare gli ingredienti del compost preselezionati a strati nella tramoggia. La macchina li macina tutti, anche i rami spessi, da sola.

Puoi riutilizzare parti secche di erbe e piante insieme ai rami che si trovano nel cestello dell’arieggiatore. Un trituratore di precisione li tritura in un perfetto materiale di compostaggio: il fertilizzante organico più prezioso che puoi utilizzare per fertilizzare il terreno del tuo giardino.

Fonte: www.stiga.pl

Se non c’è spazio per una compostiera, usa un fertilizzante già pronto reperibile nei negozi di giardinaggio, preferibilmente con una consistenza mini-granulare che sia facilmente assorbita dal prato. Questo tipo di farmaco è caratterizzato dal lento rilascio di piccole dosi di nutrienti (principalmente azoto, fosforo e potassio), tanto da essere assorbiti fino al 70%. L’erba così coltivata in breve tempo diventa densa, succosa e resistente alle intemperie, alle malattie e ai parassiti.

Un altro fertilizzante naturale, non meno efficace, è l’andana. L’erba falciata costituisce circa i 2/3 di tutti i rifiuti del giardino. Se vuoi liberartene, puoi spazzarlo via dal prato e poi metterlo in un sacco della spazzatura verde.

e lasciarlo ai servizi comunali o riutilizzarlo per nutrire il prato. 50 kg di erba tagliata forniscono al terreno circa 2 kg di azoto, circa 1 kg di fosforo e circa 2 kg di potassio. Pertanto, copre circa il 25% del fabbisogno annuale di fertilizzante del prato. L’andana riduce l’evaporazione dell’acqua dal terreno, il che aiuta a mantenere la temperatura e i livelli di umidità ottimali negli strati più profondi del suolo. Inoltre, previene l’erosione del suolo e rallenta la crescita delle erbe infestanti. La concimazione del prato di falciatura è mulching e può essere eseguita con un tosaerba multifunzionale.

Weiterlesen:
Un giardino che profuma di gigli

Puoi anche leggere la pacciamatura nell’articolo: «Pacciamatura dell’erba: ripristino intensivo del prato dopo l’inverno

  1. irrigazione

A marzo, cioè all’inizio della primavera, il prato non necessita di annaffiature intensive, poiché negli strati più profondi del terreno rimane un’umidità relativamente elevata. In futuro, la quantità di acqua, insieme alla frequenza della sua fornitura al tappeto erboso, dipende direttamente sia dall’aura (principalmente dall’insolazione) che dall’intensità della crescita delle giovani placche, nonché dalla densità del substrato. La cosa più importante è mantenere il prato moderatamente umido.

  1. Taglio del prato e taglio di cordoli

La falciatura regolare dell’erba non è solo una procedura cosmetica che garantisce l’aspetto estetico del prato, ma lo supporta. Fatto correttamente, fa ispessire l’erba, creando un tappeto verde compatto e naturalmente bello.

Attendere fino a metà aprile o all’inizio di maggio con il primo taglio della stagione, a seconda delle condizioni meteorologiche e del tasso di crescita dei giovani germogli. Procedi come segue fino alla fine della stagione a intervalli regolari, ad es. ogni 7-10 giorni. Prestare attenzione all’altezza alla quale lavorano le lame di taglio del tosaerba. Per ottenere i migliori risultati, tagliare 1/3 dell’altezza del prato, ovvero circa 5 cm, quelli più bassi possono danneggiare i giovani germogli e interromperne la corretta crescita e quindi portare alla comparsa di erbacce.

  1. Falciare l’erba lungo i cordoli

Non dimenticare di tagliare regolarmente la vegetazione lungo i bordi. Per fare ciò, usa un decespugliatore, un dispositivo che falcia facilmente l’erba che cresce in luoghi inaccessibili ad altre macchine e dispositivi di taglio: tosaerba o trattorini.

L’erba che sporge da un marciapiede o da una pavimentazione non ha mai un bell’aspetto. Puoi rimuovere efficacemente la vegetazione indesiderata che appare in luoghi difficili da raggiungere con un rifinitore. Grazie a questo dispositivo, il paesaggio domestico sarà perfettamente curato in ogni dettaglio.

Fonte: www.stiga.pl

  1. Controllo delle infestanti

L’erba succosa, di regola, inibisce la crescita delle singole erbacce, ma non è in grado di far fronte ai grappoli da sola. Se il prato è coperto da «auto-semina» indesiderata, utilizzare uno speciale fertilizzante integrato con erbacce. Allo stesso tempo, il farmaco distrugge le erbacce dicotiledoni (ad esempio dente di leone, ortica, trifoglio bianco) e introduce preziosi micro e macroelementi nel substrato, grazie ai quali i luoghi in cui si sono sviluppate le erbacce si ricoprono rapidamente di germogli di erba fresca.

Weiterlesen:
Pacciamatura dell'erba: ripristino intensivo del prato dopo l'inverno

Leggermente più problematica è la rimozione del muschio che compare su un prato in cattive condizioni: umido, ricoperto da uno strato di feltro o non sufficientemente concimato. L’unico modo per sbarazzarsi del muschio è individuare la causa dello sviluppo dinamico del muschio e quindi eliminarlo migliorando le condizioni ambientali.

Puoi leggere di più sulla lotta efficace contro il muschio nell’articolo: «Ragioni per la formazione e lo sviluppo del muschio sul prato

  1. combattere le larve

La zolla, i cui frammenti si staccano dal terreno (nonostante le cure competenti), indica la presenza attiva di larve. Per proteggere il prato da gravi danni, rastrellarlo intensamente con un rastrello in modo che le uova deposte dalle larve siano in superficie. Lasciati soli, presto si asciugheranno.

L’inizio della primavera astronomica è un ottimo momento per pianificare procedure di restauro che riporteranno il tuo prato al suo aspetto ideale e diventerà una decorazione del cortile. Con le attrezzature da giardinaggio STIGA puoi svolgere il lavoro in modo rapido, efficiente e senza sforzo. Le macchine multifunzionali progettate per la cura completa del giardino ti salveranno dal lavoro duro e difficile, aumentando la produttività e riducendo al minimo i tempi di riparazione del giardino.

голоса
Рейтинг статьи
Ссылка на основную публикацию
Adblock
detector