Motopuglia.com

Macchinari Agricoli
Рейтинг статьи
1 звезда2 звезды3 звезды4 звезды5 звезд

Sintomi di carenza di macronutrienti nelle piante

Scolorimento, appassimento improvviso o arresto della crescita sono segni premonitori di malattie delle piante che sono spesso attribuite ai parassiti. Tuttavia, sono spesso causati da errori nella fertilizzazione delle piante e da carenze associate di preziosi macronutrienti. Impara a identificare le loro cause per aiutare le tue piante a riprendersi!

La causa delle carenze di macronutrienti è principalmente l’uso di proporzioni errate dei singoli nutrienti o l’eccessiva fertilizzazione di uno degli ingredienti, ad esempio, l’eccesso di potassio rende difficile l’assorbimento del magnesio da parte delle piante. In caso di comparsa di sintomi caratteristici di una carenza di singoli nutrienti, deve essere applicato un appropriato concime minerale (fogliare o concimazione del terreno). Tuttavia, devi prima imparare a distinguerli.

I principali macronutrienti che influiscono direttamente sulla condizione delle piante sono contenuti nella formula NPK: azoto, fosforo, potassio.

  1. азот

Necessaria soprattutto nella fase di crescita delle piante, è anche responsabile del colore delle foglie. La carenza di azoto è accompagnata da:

  • la crescita delle piante è rallentata o interrotta,
  • schiarimento e ingiallimento delle foglie (in casi estremi, un colore bruno-giallastro o rosa-viola),
  • riduzione delle dimensioni della lamina fogliare,
  • lignificazione prematura dei tessuti staminali.

Il viraggio di colore appare dovuto ad una carenza di clorofilla coinvolta nel processo di fotosintesi.

Come compensare la carenza di azoto? Utilizzare solfato di ammonio, che acidifica il terreno (particolarmente consigliato per piante acidofile — rododendri, azalee, mirtilli e la maggior parte delle conifere). Non otterrai risultati meno buoni usando lo sterco di ortica. Tuttavia, fai particolare attenzione: il letame di ortica è un fertilizzante forte che dovrebbe essere diluito con acqua prima di spruzzare il terreno (a seconda della specie da concimare, in un rapporto di 1:10 o 1:20).

  1. fosforo

Determina lo sviluppo di fiori e frutti e allo stesso tempo è responsabile dell’apparato radicale. Sintomi da carenza di fosforo:

  • la crescita delle piante è rallentata o interrotta,
  • colore porpora-viola delle foglie insieme agli steli,
  • foglie ruvide,
  • marciume della punta delle foglie,
  • scarsa fioritura e produzione di semi.
Weiterlesen:
Attrezzi da giardinaggio utili nella cura del giardino d'inverno

Come compensare la carenza di fosforo? Scegli fertilizzanti fosfatici come il superfosfato, un fertilizzante ottenuto neutralizzando gli acidi in eccesso rimasti nel fertilizzante dopo il processo di produzione. Tuttavia, può risultare che questo tipo di fertilizzante non è sufficiente per ripristinare il livello ottimale di fosforo nel terreno; il superfosfato precipita facilmente in forme meno solubili e quindi diventa difficile da digerire, soprattutto in terreni acidi. Poiché è molto lento, deve anche essere consegnato direttamente nella zona delle radici della pianta. Pertanto, vale la pena esplorare un’alternativa, ad es. fertilizzanti di precisione al fosforo (es. Microstar PZ) utilizzati per concimare le giovani piante al momento della semina o della semina. Puoi anche usarlo durante la stagione di crescita per incoraggiare la fioritura e la fruttificazione.

Il fosforo presente nei fertilizzanti Microstar PZ è sotto forma di composti organici che vengono assorbiti dalle piante per circa il 100%, indipendentemente dal tipo di terreno.

  1. potassio

Aumenta la resistenza delle piante alla siccità, alle malattie e al gelo. Influisce sulla riproduzione delle piante — stimola la formazione di nuovi germogli. Inoltre, impedisce al raccolto di cadere nelle estati nuvolose e fresche. La carenza di potassio si manifesta:

  • la crescita delle piante è rallentata o interrotta,
  • clorosi fogliare (ingiallimento dei bordi delle lame),
  • piante appassite,
  • le foglie cadono e gli steli marciscono,
  • deterioramento del gusto delle verdure (ad esempio zucchine, cetrioli), deformazione delle piante (ad esempio, sui pomodori compaiono macchie gialle dure).

Come compensare la carenza di potassio? Il metodo più efficace è concimare la superficie del suolo con solfato di potassio. Quando si coltivano ortaggi in campo, è possibile utilizzare anche sale di potassio (58%-60%). Otterrai i migliori risultati dalla medicazione con potassa se distribuirai uniformemente il fertilizzante sul sito e lo mescolerai ulteriormente con il terreno fino a una profondità di 20 cm.

  1. calcio

Svolge un ruolo chiave nel mantenimento delle funzioni vitali di base della pianta. La quantità ottimale di calcio inibisce l’invecchiamento della pianta, il che significa che dà una maggiore resa (il calcio influisce sulla produzione degli assimilanti — prodotti della fotosintesi derivanti dall’assimilazione di composti inorganici, solitamente anidride carbonica e acqua — coinvolti nella formazione della coltura. Il processo di formazione di assimilanti continua, maggiore è la resa). A seconda della pianta, imparerai a conoscere la carenza di calcio, tra le altre cose:

  • marciume secco della frutta (pomodori e peperoni),
  • ricciolo di foglie (pomodoro),
  • doratura dei bordi delle foglie della torsione della testa (cavolo di Pechino),
  • imbrunimento interno delle foglie (cavoli di Bruxelles),
  • macchia amara sotto la buccia (mele),
  • tendenza a rompersi (ciliegia).
Weiterlesen:
Tagliasiepi: uno strumento indispensabile in giardino

Come sopperire alla mancanza di calcio? Utilizzare nitrato di calcio (fertilizzante azotato-calcico) completamente solubile nel terreno. Il nitrato di calcio viene utilizzato per l’alimentazione fogliare delle colture agricole, in particolare delle verdure in serra. Puoi anche usarlo come prevenzione delle malattie causate da carenza di calcio.

Quando si sceglie un preparato per livellare i livelli di calcio, prestare attenzione ai preparati destinati solo alla disossidazione del suolo, i cosiddetti «Tigli da giardino». Contiene composti di calcio poco solubili in acqua (ossido di calcio o carbonato di calcio); il calcio in esse presente non viene praticamente assorbito dalle piante. Per questo motivo, prestate molta attenzione al tipo di fertilizzante che andrete ad utilizzare in modo da fornire al terreno la dose mancante di prezioso calcio.

  1. magnesio

L’elemento costitutivo della clorofilla (le parti verdi della pianta). Uno dei principali minerali che determinano la sopravvivenza della pianta e la sua corretta crescita. I primi segni di carenza compaiono entro 4-6 settimane dalla stagione di crescita:

  • perdita di clorofilla (comparsa di piccole macchie marrone ruggine o giallo torbido sotto la sommità della pianta; con il progredire della malattia, lo spotting si diffonde)
  • limitazione della fioritura delle piante.

Come sopperire alla mancanza di calcio? Utilizzare solfato di magnesio (soluzione al 5% di eptaidrato o soluzione di monoidrato al 3%). Può essere utilizzato come soluzione acquosa autonoma o insieme a fertilizzanti a base di urea e fogliari.

La carenza di macronutrienti che influiscono direttamente sulle condizioni delle piante (sia al coperto che in piena terra) deriva il più delle volte da una mancanza di conoscenza dell’uso dei singoli fertilizzanti, sebbene anche il tipo di suolo e le condizioni meteorologiche non siano di poca importanza (durante piogge, alcune sostanze nutritive vengono dilavate negli strati più profondi del suolo), o danneggiano l’apparato radicale delle piante da parassiti. Indipendentemente dal motivo dell’indebolimento delle piante, vale la pena conoscere i metodi più popolari per riportarle in buone condizioni attraverso una corretta alimentazione con fertilizzanti appropriati.

Weiterlesen:
4 tipi di giardinaggio che puoi fare con i tuoi dispositivi wireless

голоса
Рейтинг статьи
Ссылка на основную публикацию
Adblock
detector